Events - Food & Beverage - Destinations - Goods

Hekfanchai: il giovane cui piace mangiare

By Editorial Team
7 min read
hekfanchai

Hekfanchai lancia la nuova frontiera dell’aperitivo Cocktail&Food Fusion nel terzo dei bing-shi milanesi. Una drink list inedita creata dal bartender Francesco Menozzi; insieme ai piatti del celebre chef honkonghese Kin Cheung.

Infilandosi tra palazzi e grattacieli dell’isola di Hong Kong, non sarà difficile scovare le viuzze e i locali che non sono mai cambiati. Popolari, democratici ed estremamente fedeli alla più originale tradizione culinaria dell’isola cinese. Tra Bing Shi e Dai Pai Dong, i profumi delle spezie e del fuoco si mescolano. Attirano ogni giorno turisti e autoctoni alla ricerca di un pranzo o una cena veloci.

Hekfanchai a Milano

Nasce così Hekfanchai a Milano. Dopo la prima sede aperta a ottobre scorso, da Maggio 2021 raggiunge anche tutta Milano con il miglior street food di Hong Kong. Un nuovo locale in via Giovanni Battista Niccolini 29, nel pieno centro di China Town. Via da subito al curatissimo menù stagionale dello chef Kin Cheung celebre a livello internazionale per la sua cucina curata e creativa. Jaffle, bun e vermicelli; gli amatissimi cheung fun e toast alla crema di taro. Tutto da gustare in delivery, take away o tra i pochi posti a sedere al bancone con vista sulla cucina; proprio come nei veri Bing Shi, le piccole trattorie popolari honkonghesi.

Qualche settimana di rodaggio e finalmente anche tutti i milanesi di Porta Romana e Crocetta hanno il loro originale street food di Hong Kong. La tanto attesa terza apertura. Un locale più spazioso, arricchito da un esclusivo cocktail bar che proporrà ai più curiosi e appassionati signature drink in perfetto stile fusion tra occidente e oriente.

Un investimento e un doppio segnale concreto che il CEO Eric Yip e il suo team vogliono dare alla città:

«Questo periodo complicato non ha fermato l’ambizione del nostro team nel far nascere questo progetto. Ha alimentato ancora di più la voglia di far riemergere i ricordi dell’infanzia a Hong Kong; di portare a Milano i sapori con cui sono cresciuto, nella loro genuinità. Senza omologarsi necessariamente ai gusti locali, ma piuttosto proponendo una cucina autentica e tradizionale».

Hekfanchoi: la filosofia di Eric e Kin 

Hek significa mangiare, Fan invece pasto e chai vuol dire giovane. Il giovane a cui piace mangiare, è qui che si racchiude in due parole il mood e la filosofia di Hekfanchai. Nato dall’idea di un team tra i 20 e i 30 anni, creativo e talentuoso; per portare la vera cultura gastronomica di Hong Kong in Italia. Una cultura che nasce dall’incontro tra la cucina occidentale inglese e quella cinese; quando, dal 1841 e per i successivi 200 anni Hong Kong, è colonia d’Inghilterra.

Un vero e proprio fusion inedito che si adatta perfettamente a gusti e tendenze italiane. Ecco perché nessuno dei piatti in menù ha subito modifiche o aggiustamenti rispetto all’originale honkonghese. Sembrerà di frequentare quelle vie affollate di Dai Pai Dong; tipiche bancarelle di cibo di strada per un pranzo o una cena veloce, curatissimo nella sua semplicità popolare e ricco di gusto e storia.

Alla guida lo chef Kin Cheung celebre a livello internazionale per la sua cucina curata e creativa, omaggio alle sue origini. Porta a Hekfanchai ricordi, tecnica e sapienza per un menù che cambia ad ogni stagione con attenzione orientale all’estetica oltre che al gusto. Eric Yip, CEO e ideatore di quella che potrebbe diventare una vera e propria catena in tutta Italia. Anche lui originario di Hong Kong, vuole diffondere una cultura inedita attraverso ricette che celano storie, ricordi d’infanzia e metafore della sua città.

Lo Chef Kin Cheung, celebrità honkonghese e internazionale firma i menù di Hekfanchai

Kin Cheung nasce ad Hong Kong dove ha inizio la sua esperienza in cucina. Quando era piccolo, dice, i genitori lo portavano a mangiare i piatti più tradizionali tra ristoranti e bancarelle street food ed è nato proprio in quei contesti più popolari il desiderio di imparare a prepararli lui stesso. Inizia a cucinare a 16 anni al fianco dei grandi maestri, diventando a sua volta Maestro a 21 anni. Approda a Milano nel 2014 nelle cucine dei migliori ristoranti cinesi della città tra cui Mu Dimsum, per poi imbarcarsi in una nuova avventura a Firenze con Element, il ristorante dove porta tutta la sua cultura honkonghese alla ribalta.

hekfanchai

Tra i più alti riconoscimenti premi ricevuti da La Commanderie des Cordons Bleus de France e il Blue Ribbon Knight dalla WRCA – World Restaurant Cate Association, paragonabile alla Stella Michelin. Dal 2020 collabora con Hekfanchai creando ricette e idee per il locale di via Padova, presto triplicato, dove il suo fedele compagno di brigata Yufeng Ren si occupa della cucina. 

Dai Cheung Fun ai French Toast, la cucina fusion di Hong Kong

Fedele al cibo di strada delle innumerevoli bancarelle di Hong Kong, i piatti di Hekfanchai sono un viaggio tra ingredienti, ricette e metodi honkonghesi. Dai finger food a piatti più complessi, il menù è una vera e propria fusione tra cultura gastronomica occidentale e orientale; lo si percepisce dagli ingredienti e le cotture, dalle forme e dai nomi dei piatti. Tofu fritto; Involtini di soia con gamberi tartufati; gli amatissimi Cheung Fun – ravioli aperti in cui il ripieno è avvolto da una delicata sfoglia di farina di riso cotta al vapore. Anche tra i primi piatti la cultura cinese si fa sentire con i Wanton di gamberi in zuppa. Tipici ravioli ripieni bolliti e serviti in brodo di pollo; i tradizionali Vermicelli di riso Hong Kong Taste con gamberi e verdure al curry; le Tagliatelle di riso al manzo con germogli di soia ed erba agliolina saltati con salsa di soia e vino bianco; i Noodles con costoletta di maiale e formaggio.

hekfanchai

Tra i piatti che riportano in occidente invece il Pollo fritto XL; i Toast Hong Kong Taste con salsa a scelta tra burro, latte condensato, salsa di arachini o marmellata; il Toast alla crema di Taro con latte condensato. Questi ultimi sono perfetti insieme al tè delle 17, un’abitudine diventata honkonghese solo dopo la colonizzazione inglese. Poi i Bun, panini al latte farciti con costoletta di maiale al lemongrass; di pollo al pepe nero; con manzo al Satay home made – una marinatura saporita con salsa di arachidi e olio di ostrica. Un altro street food tipicamente honkonghese sono i Jaffles – una sorta di tramezzino tostato e ripieno di stufato di manzo, morbido e goloso e formaggio cheddar; oppure i Sandwiches di Hekfanchai dal ripieno inglese come quello con prosciutto e uova o prosciutto e formaggio.

L’Aperitivo Fusion di Hekfanchai

Il terzo dei bing-shi porta nel capoluogo meneghino una novità assoluta: la cocktail list fusion tra Occidente e Oriente; proprio come la più tradizionale cucina di Hong Kong. Tre drink inediti dai sapori freschi ed estivi, ideale accompagnamento ai nuovi piatti del celebre executive chef honkonghese Kin Cheung. 

hekfanchai

I tre drink made by Hekfanchai sono un vero e proprio incrociarsi di culture e sapori. Ecco quindi l’Hong Kong Mule, un cocktail che gioca sull’acidità dello Yuzu e del Lime insieme a vodka e sciroppo di zucchero, perfetto da accompagnare agli Involtini Primavera con l’uovo o con funghi e formaggio.

C’è poi l’Italian Bubble, a richiamare il tanto amato Bubble Tea ma in versione alcolica: Gin, Bergamotto, i Lime salati pestati e un top di soda al limone. Un drink rinfrescante per bilanciare l’intensità degli Involtini Primavera come quello con Costoletta di Maiale e Cipolle o il Costoletta di Pollo al Pepe Nero.

Il terzo cocktail stagionale è l’Irish Kong Tea, una dedica ai sapori honkonghesi: la Crema di latte amatissima ad Hong Kong è sostituita dal Baileys per cremosità e dolcezza che insieme al Bourbon costituisce l’impronta alcolica. E poi il Tè tipico di Hong Kong, dalle piacevoli note bitter. Ad accompagnare l’Involtino primavera con Costoletta di Maiale al forno con pomodoro. 

7 min read

Next

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi