Life & Work Balance - Gear

I pericoli del Context Switching

By Sara Stefanovic
4 min read

Cosa vuol dire Context Switching? Si tratta della tendenza a saltare da un lavoro all’altro in continuazione, nel tentativo di utilizzare il tempo a disposizione nel miglior modo possibile. Il termine nasce nel mondo dell’informatica per descrivere come i sistemi operativi eseguono più processi dalla stessa unità di elaborazione centrale. Quando cambiamo app, i nostri computer trasferiscono la potenza di elaborazione da una richiesta all’altra, mettendo in attesa la prima finché non torniamo a essa. Oggi context switching è entrato nel linguaggio della produttività umana, designando la tendenza a saltare da un’app all’altra, da un task a un altro, come delle api impazzite.

Probabilmente vi abbiamo già persi tra i link inseriti nell’introduzione. Il context switching riduce la produttività dell’80%…

Le nostre giornate lavorative sembrano una lotta erculea tra e-mail, messaggi e avvisi che assediano la nostra attenzione. Con le pressioni aggiuntive che derivano dal lavoro da casa, la giornata lavorativa media può sembrare un’infinita corsa nella ruota della vita. Di sicuro è impossibile fare del proprio meglio quando la nostra attenzione si deve dividere tra 12 app aperte, 34 conversazioni in corso e una lista di cose da fare lunga un miglio.

context switching

State scrivendo un rapporto e ricevete un’e-mail. Per abitudine, toccate la notifica per vedere se è qualcosa di importante. Avete appena cambiato il contesto dal vostro paper alla casella di posta. È una richiesta del vostro capo per alcuni dati. Niente di grave, non ne ha bisogno fino alla fine della settimana. Lo contrassegnate come non letto per tornare più tardi e tornate al vostro paper.

L’interruzione è durata meno di cinque minuti. Ma quando tornate al vostro lavoro parte della vostra attenzione rimane sull’e-mail. Questo viene chiamato residuo di attenzione (cf. Leroy, Sophie, 2009. Why is it so hard to do my work? The challenge of attention residue when switching between work tasks) e rende più difficile portare a termine il lavoro. Più l’attenzione è divisa, più diventa difficile rimanere concentrati su qualsiasi cosa. Un circolo vizioso che sfocia in un esaurimento mentale con poco da dimostrare.

Quindi, come progettare la giornata lavorativa in modo da consentire periodi di concentrazione più lunghi e produttivi?

Secondo lo psicologo Gerald Weinberg, ogni attività extra o contesto che cambi consuma dal 20 all’80% della produttività complessiva. Prevenire il context switching ha molti vantaggi il primo dei quali è sicuramente la possibilità di terminare il lavoro prima in modo da non intaccare il nostro tempo libero.

context switching

Ridurre la quantità di context switching nella tua giornata richiede un approccio olistico al vostro modo di lavorare. Non esiste una soluzione valida per tutti. Invece, dovrete considerare:

  • Il vostro programma. Il context switching si verifica quando il programma è troppo pieno (troppe cose su cui lavorare) o troppo vuoto (non abbastanza da rimanere concentrati).
  • Abitudini. La maggior parte di noi ha sviluppato l’abitudine di cambiare attività attraverso il modo in cui utilizziamo strumenti di lavoro come e-mail o chat.
  • Routine e rituali. Ci sono anche azioni inconsce che intraprendete durante il giorno che possono farvi cambiare approccio.

Questo potrebbe sembrare molto da coprire. Ma come la maggior parte delle cose che hanno un impatto enorme sulla concentrazione, sulla produttività e sulla gestione del tempo, alcune piccole modifiche possono fare molto.

5 modi per costruire abitudini, routine e programmi per ricostituire la concentrazione

  1. Schematizzare, programmare e focalizzarsi. L’ideale sarebbe dividere la giornata in blocchi temporali. A ogni blocco è assegnato un compito specifico in modo che, invece di cercare di stipare il lavoro nelle schegge di tempo tra riunioni ed e-mail, sappiate esattamente cosa deve essere fatto e quando. Il timeblock non riguarda solo la pianificazione del lavoro più importante o il dedicare un’ora o due per concentrarsi. Si tratta di pianificare tutto, dalle e-mail alle pause, così puoi concentrarti su una cosa alla volta senza stress o FOMO.
  2. Abituatevi a svolgere un solo compito durante il giorno. Quando svolgiamo un solo compito (cioè ci concentriamo su una sola cosa alla volta), siamo più produttivi, meno stressati e persino più creativi. Rimuovete le distrazioni, usate un timer, provate ad allenare la vostra attenzione, come se fosse un muscolo.
  3. Rimuovete i residui di attenzione. Anche se avete finito un lavoro e ne avete iniziato un altro, inevitabilmente finirete per pensare a quello precedente. Innanzitutto, raggruppa insieme attività simili. Avrete meno residui di attenzione se passate da un’attività simile all’altra.
  4. Fate pause regolari per prendere fiato. Le pause sono essenziali per evitare i residui di attenzione e dimenticarsi dei lavori precedenti.
  5. Imparate a switchare tra da modalità lavorativa a quella non lavorativa. Se non riuscite a disconnettervi alla fine della giornata, non sarete in grado di dare alla mente il riposo di cui avete bisogno per concentrarvi profondamente domani.
context switching

Anche se pensate di leggere solo una e-mail, è difficile non venir risucchiati nella casella di posta una volta aperta. Cercate di concentrarvi su un’attività, schermata, app e finestra alla volta ed eliminate ciò che vi porta a distogliere l’attenzione da ciò che state facendo, potete anche scaricare app apposite che bloccano le notifiche dei vostri devices.

4 min read

Next

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi