SHARE
Food & Beverage - Destinations - Goods

Cibo portafortuna nel mondo

By Editorial Team
6 min read
cibo portafortuna

Inutile ripeterlo: questo 2020 è stato davvero un pessimo anno per tutti quanti. Certo, per qualcuno ci saranno state buone notizie e avvenimenti gioiosi, ma per la maggior parte della popolazione mondiale il vaccino per il Covd-19 è l’unica buona notizia degli ultimi 365 giorni. Serve un 2021 decisamente più fortunato rispetto a quest’anno bisestile e funesto. Qual é, quindi, il cibo portafortuna che si è consumato nel mondo durante il Cenone di Capodanno nella speranza di un anno migliore?

Cibo portafortuna nel mondo

Non siamo superstiziosi ma, dopo un anno come il 2020, è meglio ricorrere a ogni strategia per cominciare con il piede giusto il 2021. Per cominciare bene l’anno nuovo, quindi, occorre sfruttare ogni opportunità, anche il cibo portafortuna secondo le tradizioni di tutto il mondo.

Italia

Cominciamo dall’Italia. La tradizione vuole che il cotechino venga consumato la vigilia di Capodanno perché si pensa che sia un cibo portafortuna. Mangiare le lenticchie di contorno, invece, si dice che porti molto denaro, quindi il piatto viene offerto proprio a Capodanno come buono auspicio per l’anno che verrà. Un ruolo fondamentale lo ricopre la frutta. L’uva, come le lenticchie, porta soldi, mentre il melograno porta fertilità e amore nell’anno che verrà. Per il brindisi di mezzanotte, naturalmente, non può mancare un ottimo spumante o un impareggiabile Franciacorta!

Francia

Nelle case francesi la notte di Saint Silvestre e il Cenone di Capodanno si festeggiano con fois gras, ostriche ed escargots, accompagnate da ottimo champagne. Al cibo portafortuna, si preferisce il vischio. Allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, infatti, è d’obbligo baciarsi sotto questa pianta in segno di buon augurio. I nostri cugini d’Oltralpe sanno godersi la vita.

Posts correlati dnl

Spagna

In Spagna per il Cenone di Capodanno si consuma un pasto, in genere, a base di pesce e crostacei, ma il momento più importante, quello del cibo portafortuna, arriva quando sta per avvicinarsi la mezzanotte. Ognuno, infatti, deve preparare dodici acini d’uva. Negli ultimi 12 rintocchi prima della mezzanotte si comincia a mangiarli, uno ad uno, scandendo ogni colpo con un acino, fino all’anno nuovo.

Germania

In Germania, Capodanno è sinonimo di Feuerzangenbowle, una bevanda simile al vin brulè che si prepara con vino rosso, rum, bucce di arancia, cannella e chiodi di garofano. Durante il brindisi di mezzanotte, che naturalmente si fa con la Feuerzangenbowle, ci si scambiano praline e cioccolatini, dolci, che sono un cibo portafortuna. Inoltre, è importante lasciare sulla tavola un piatto pieno di cibo, in modo che il nuovo anno possa entrare in casa, portando prosperità.

Inghilterra

In Inghilterra e nella magica Londra, il menu di Capodanno è molto simile a quello di Natale. Tacchino ripieno di castagne come portata principale e Christmas Pudding come dolce. Per la notte di San Silvestro, però, nel dolce vengono nascoste anche delle monete. Al cibo portafortuna, gli inglesi preferiscono la concretezza: chi trova le monete avrà fortuna economica durante il nuovo anno.

Stati Uniti

Negli Stati Uniti, sulla tavola del Cenone di Capodanno, non mancano mai i fagioli dall’occhio nero (Black-Eyed Peas) che, a quanto pare, sono un cibo portafortuna soprattutto se serviti con il cavolo. In alcune parti del paese, principalmente quelle dove si stabilirono coloni tedeschi, si mangia anche la carne di maiale simbolo di abbondanza. In tutte le cene casalinghe in giro per gli States non manca mai una dolce colonna sonora: Auld Lang Syne. Il Valzer delle Candele, di Robert Burns, una canzone scozzese resa popolare negli USA da Guy Lombardo, uno showman che ogni anno conduceva via radio il veglione e che gli americani cantano per dire addio all’anno vecchio e dare il benvenuto a quello nuovo.

Messico

cibo portafortuna

In Messico, nella notte di Capodanno il cibo portafortuna è il tacchino al forno ripieno di carne, frutta e noci, accompagnato dalla salsa di prugne. Si prepara inoltre il ponche, una bevanda a base di frutta e cannella, che viene accompagnata da brandy o rum.

Brasile

cibo portafortuna

Anche in Brasile la carne di tacchino non manca sulla tavola di San Silvestro. Qui il cibo portafortuna è il chester. Si prepara facendo affumicare la carne del tacchino e accompagnandola con frutta locale, come ad esempio il platano fritto. Nelle località di mare, invece, si preferiscono pesce e crostacei, accompagnati dal cous cous. A Rio de Janeiro si mangiano le lenticchie, in segno di prosperità, e si devono mandare giù 7 acini di uva, conservando però i semini nel proprio portafogli, per assicurarsi tanti soldi nel nuovo anno.

Caraibi e a Cuba

cibo portafortuna

Ai Caraibi il Capodanno cade in piena estate, quindi si prediligono i piatti freddi, come la guava, un frutto prelibato che si mangia sia fresco che all’interno della torta chiamata goiabada. In particolare, a Cuba, non manca mai lo yukka, un morbidissimo arrosto di maiale marinato con erbe aromatiche e servito con una salsa a base di olio, limone e aglio, accompagnato da tante verdure fresche di tutti i generi e chips di banana fritta. Per cene da veri intenditori, non manca l’aragosta: simbolo di prosperità e cibo portafortuna.

Russia

cibo portafortuna

In Russia, visto che Natale non si festeggia, Capodanno – Novy God in russo – ha inglobato anche questa festività. Viene celebrato con tavole imbandite, regali e l’arrivo di Ded Moroz. La tradizionale salat oliviè (simile la nostra insalata russa) viene accompagnata da tartine al caviale, dal kolodets, uno sformato di carne in gelatina, da tanti tipi diversi di pirozhski, piccole torte salate, e dalla seledka pod shuboy (aringa in pelliccia), un piatto nella quale il pesce viene ricoperto da diversi strati di verdure, come barbabietola, carote, cipolle. Oltre a questo cibo portafortuna, al Cenone di Capodanno, in Russia, non mancano mai i mandarini… e la vodka, naturalmente.

Giappone

cibo portafortuna

Il menu di Capodanno in Giappone è basato sulla simbologia di ogni cibo portafortuna, che sarà di buon auspicio nel nuovo anno. Il kouhaku kamaboko porta gioia e sacralità, grazie al rosso e al bianco del pesce con il quale è fatto; i kuromane, fagioli di soia nera, portano buona salute; infine, l’otoso, un sakè speziato, uccide gli spiriti cattivi e garantisce un anno senza malattie e seccature.

Thailandia

cibo portafortuna

In Thailandia, il Capodanno – Songkran in thailandese – si festeggia mangiando i classici noodles. La lunghezza di questi spaghetti è simbolo, per chi li mangia, di una vita lunga e felice. In alcune zone, inoltre, a Capodanno, come cibo portafortuna, si consuma anche una torta di riso e fagioli, che viene cotta avvolta nelle foglie di bambù.

Australia

Anche in Australia, come ai Caraibi, il Capodanno cade in piena estate, normalmente lo si festeggia in spiaggia, oppure organizzando un barbecue con diversi tipi di carne (maiale, pollo, canguro…). Oltre al cibo portafortuna, il banchetto prevede del punch, insalata e tanta frutta fresca.

6 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi