SHARE
Entertainment - Style - Gear - Goods

Facebook e Luxottica, una collaborazione smart

By Sara Stefanovic
2 min read

I due colossi Facebook e Luxottica si uniscono per il Project Aria, che realizzerà smartglasses in realtà aumentata. L’obiettivo è rendere popolare la tecnologia anche grazie al richiamo dei grandi brand e allo stile. L’iniziativa dovrebbe debuttare nel corso del 2021 con il primo paio di smartglasses firmati Ray-Ban. Comunque, la sperimentazione è già in corso presso i Facebook Reality Labs.

Facebook e Luxottica al lavoro per la creazione degli occhiali smart

I Ray Ban smart pare non si faranno attendere molto e apriranno la porta della sperimentazione… Nel frattempo si aspetta l’arrivo di altri brand come Oakley, Versace e Armani. Lo scetticismo del passato nei confronti della tecnologia sembra essere stato superato a pieni voti nel 2020, ora il problema è rendere le montature minimal. Le persone sono poco inclini all’idea di indossare un paio di occhiali troppo strani, vistosi o invadenti. Per questo associare l’oggetto a grandi firme, renderlo cool, potrebbe essere la chiave per il successo.

Facebook e Luxottica

Gli smartglasses di Facebook e Luxottica potranno riconoscere gli oggetti o localizzarli più facilmente all’interno di grandi gruppi (per scopi professionali). Gli occhiali potranno tradurre in tempo reale un testo, ma anche avviare una videochiamata riservata con il video mostrato sulla lente e l’audio ascoltato per induzione ossea. Per non parlare della navigazione gps in realtà aumentata con indicazioni precise e chiare su ciò che si ha davanti. 

La potenza di elaborazione degli occhiali sul dispositivo verrà quindi utilizzata per crittografare e archiviare le informazioni che, una volta caricate in uno spazio di archiviazione back-end separato e designato, aiuteranno i nostri ricercatori a capire come l’AR può funzionare nel mondo reale.

«Un passo verso la realtà aumentata.»

La linea di occhiali di Mark Zuckerberg si chiamerà Stella e sarà connessa a un’app per smartphone per registrare e trasmettere in diretta quello che si sta facendo e vedendo. A fornire tempistiche e precisazioni sul progetto è Andrew Bosworth, capo del dipartimento hardware dell’azienda. Saranno una sorta di “display esterno” per lo smartphone. Una delle funzioni principali, cioè quella di sovrapporre oggetti digitali alla visione reale, non sarà presente nel primo modello. 

Non possiamo nemmeno chiamarla realtà aumentata, ma parliamo semplicemente di occhiali intelligenti.

Bosworth

Posts correlati dnl

Nonostante gli smart glass saranno quindi fortemente depotenziati, Facebook continua a puntare con forza nel settore della realtà aumentata e virtuale. L’obiettivo di Project Aria è imparare in un ambiente sicuro e protetto. Gli occhiali saranno inizialmente disponibili a un gruppo limitato di dipendenti e appaltatori di Facebook che riceveranno una formazione su quando e dove utilizzare il dispositivo. In seguito verrà chiesto a persone di diversa estrazione sociale di partecipare al programma per creare una visione del mondo accurata e varia.

2 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi