SHARE
Music

Gli Hiatus Kaiyote nella nostra Monday Song

By Stefano Nappa
2 min read

La nostra Monday Song di questa settimana ospita gli Hiatus Kaiyote, una band molto particolare che negli ultimi anni ha dato una bella rinfrescata al suono della musica mondiale.

Non sono assolutamente il pop che vi aspettereste di sentire per un lunedì normale, anche perché parliamoci chiaro… i lunedì non sono mai normali!

Il loro nome è affascinante per come si pronuncia ma il loro sound lo è ancora di più.

Clever Austin, Nai Palm, Perrin Moss e Simon Mavin hanno origini australiane e il loro talento è infinito.

Se cercaste la particolarità o qualcosa di originale da ascoltare allora siete nel posto e nel momento giusto.

Il nome di questo disco: Choose Your Weapon rappresenta alla perfezione il significato di un modo di dire newyorkese, è il big ticket del 2015, ossia, il brano per cui vale la pena spendere i soldi.

Quanti? Un bel po’, sopratutto se il nostro metro di misura sono le sensazioni, la tecnica, la ritmica e la partitura del brano.

Il loro primo disco Tawk Tomahawk, che ha un valore inestimabile, emozionò il mondo facendo percepire il proprio DNA trascritto in un mRNA su di un pentagramma neo-soul con al centro una linea di hip-hop puro.

Il gruppo quando si formò a Melbourne, in Australia, nel 2011 maturò completamente grazie all’inserimento di Simon Mavin polistrumentalista, membro del progetto The Bamboos ispirato da Gabriel Roth dei The Dap-Kings e di Lanu.

Posts correlati dnl

Si sono sempre auto-prodotti fino a quando «il venerabile maestro Giles Peterson» non li scoprì facendoli poi sentire in lungo e in largo attraverso i suoi canali come quelli della BBC Radio.

Salaam Remibassista che perse la sua verginità artistica su Kingdom Blow di Kurtis Blow, impazzì letteralmente!

Decise lui di produrli per portarli al successo, infatti quando lì presentò a ?uestloveQ-tip ed  Erykah Badu si è arrivati al classico “game seven and match”

Durante le sessioni di registrazione, il figlio di Van Gibbs, stimola la band con ascolti di altri gruppi che sono arrivati al suo orecchio, ma Phil Noy è quello che riesce a dare un tocco impercettibile al loro disco.

Il loro nome forse va’ pronunciato in swahili o forse no, ma poco importa perché gli Hiatus Kaiyote ci hanno regalato canzoni come la bellissima SWAMP THING

Letteralmente una “palude di suoni” dove possiamo trovare un pizzico di Joni Mitchell con The Jungle Linc e molto degli Hawthorne Headhunters (tenete l’icona aperte su di loro che prima o poi arriveranno in questa rubrica).

DON’T SLEEEPP on thisss !

2 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi