SHARE
Life & Work Balance - Destinations

I guardiani di Great Blasket Island

By Editorial Team
2 min read
Great Blasket Island

Fare il guardiano di un’isola remota al largo della famosa Wild Atlantic Way? Un lavoro unico a Great Blasket Island in offerta sul web.

Circa settimana scorsa è comparso sui social media l’annuncio di due posti vacanti come guardiani della Great Blasket Island; un’isola che si trova al largo della costa della contea di Kerry. Billy O’Connor e la sua compagna Alice Hayes, che possiedono tre cottage e una caffetteria sull’isola, stanno offrendo un’incredibile opportunità di lavoro per una coppia. Amici o sconosciuti non ha importanza, esamineranno le candidature provenienti da ogni parte del mondo.

Great Blasket Island

Lo scorso anno, a seguito della pubblicazione dell’offerta di lavoro per due guardiani nei mesi estivi, sono arrivate più di 40.000 candidature. Sono arrivate attraverso ogni mezzo – telefono, e-mail, social media e moduli cartacei – e da tutto il mondo; addirittura da Paesi lontani come Messico, Finlandia e Argentina. L’enorme quantitativo di candidature ha suscitato un grande interesse da parte dei media internazionali. Dopo una sola settimana dalla pubblicazione dell’offerta, più di 23.000 persone hanno presentato domanda. É probabile che, anche quest’anno, il lavoro dei sogni catturi ancora una volta molta attenzione.

Great Blasket Island

Great Blasket Island non ha acqua corrente calda ed elettricità. An Blascaod Mór, questo è il suo nome in irlandese, è la principale tra sei isole che si trovano a circa tre miglia dalla costa; vicino alla splendida penisola di Dingle nel Kerry. Dimora di diverse specie animali e vegetali, l’isola è una delle più iconiche d’Irlanda. Fu abitata per secoli da una piccola comunità affiatata di lingua irlandese che seguiva i metodi tradizionali di agricoltura, pesca e tessitura.

Posts correlati dnl

Con una superficie di 1.100 acri di terreno incontaminato e montuoso, l’isola di Great Blasket è lunga circa quattro miglia e larga mezzo miglio. In ogni suo angolo si respira la storia irlandese e si gode di un ambiente naturale incontaminato.

Tempo fa l’isola è stata la casa della defunta Peig Sayers, grande autrice e narratrice le cui opere venivano lette nelle scuole della nazione. Gli isolani furono perfino oggetto di importanti studi linguistici in virtù del loro uso di una versione sostanzialmente incontaminata della lingua irlandese.

La popolazione dell’isola è stata, al suo picco, di soli 175 residenti e, nel 1954, ci fu un calo degli abitanti causato dalle preoccupazioni per la difficoltà di raggiungerla in caso di emergenza. Oggi, una delle migliori esperienze da vivere nella bellissima penisola di Dingle è rappresentata dalla gita in barca attraverso l’incredibile scenario costiero e dal tour dell’isola. Ci sono ancora alcune antiche rovine che i visitatori possono esplorare e sono disponibili semplici alloggi dotati di angolo cottura in cinque cottage restaurati.

2 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi