SHARE
Sustainability - Food & Beverage - Diets & Nutrition

KFC punta sul pollo finto

By Sara Stefanovic
8.9K views
16 shares
3 min read

Siamo in troppi, ma soprattutto siamo in troppi ad amare il pollo fritto. La situazione sta chiaramente sfuggendo di mano, tanto che la famosissima catena di fast food KFC (Kentucky Fried Chicken) ha deciso di puntare tutto sul pollo finto. Ma in che senso? Le opzioni prese in considerazione sono due: pollo creato in laboratorio o con la stampante 3D.

KFC lascia da parte il pollo animale e si lancia su quello vegetale

In California nasce il menu vegano, con il pollo creato in laboratorio da Beyond Meat che produrrà crocchette di carne vegetale. Ma non è tutto dalla California. L’azienda vorrebbe spingersi oltre, sfruttando la sempre più avanzata stampa 3D…

Beyond Meat è nata con lo scopo di valorizzare le proteine vegetali, la loro mission è quella di creare hamburger, bistecche, salsicce, braciole e altro ancora a base vegetale senza, chiaramente, rinunciare al gusto. Passando dalla carne di origine animale a quella di origine vegetale, l’azienda affronta quattro problemi globali: salute umana, cambiamenti climatici, vincoli sulle risorse naturali e benessere degli animali. Insomma, il pacchetto completo.

Ma di cosa è fatto il nuovo pollo di KFC?

Proteine, grassi, minerali, carboidrati e acqua sono i cinque elementi costitutivi della carne. Si può dare origine a questi elementi costitutivi direttamente dalle piante, per creare carne a base vegetale.

Le proteine si ricavano da: piselli, fagioli verdi, fava e riso integrale. Mentre, per quanto riguarda i grassi l’azienda utilizza il burro di cacao, l’olio di cocco, l’olio di semi di girasole e l’olio di canola. Infine, per quanto riguarda minerali ritroviamo: sale, il calcio, il ferro e potassio, mentre per i carboidrati, amido di patate e meticellulosa vegetale.

KFC

Per quanto poco possa sembrare invitante l’azienda assicura che si tratta di un prodotto ultra-gustoso, ma non solo, anche estremamente salutare. A differenza della controparte animale, i prodotti di Beyond Meat offrono livelli proteici maggiori, senza colesterolo, con meno grassi saturi e senza antibiotici o ormoni.

Fin qui siamo sorpresi ma non scioccati, ma vogliamo parlare della carne stampata per KFC?

La società russa specializzata in biotecnologie con la quale KFC ha iniziato a prendere accordi si chiama 3D Bioprinting Solutions. La catena americana ha chiesto alla società di provare a ricreare le famose alette di pollo con l’ausilio della stampa 3D.  

KFC

In che modo? Partendo da una base di cellule animali e materia vegetale: in pratica l’idea dei russi sarebbe una sorta di clonazione delle cellule per avere crocchette a volontà senza il bisogno di uccidere animali. La società, entusiasta di prendere parte a un progetto di questa portata, presenterà una prima ‘bozza’ di aletta di pollo entro autunno 2020.

Ma come funziona esattamente il processo intrapreso da KFC con 3D Bioprinting Solutions?

3D Bioprinting Solutions sta sviluppando una tecnologia di bioprinting additiva che utilizza cellule di pollo e materiale vegetale, consentendole di riprodurre il gusto e la consistenza della carne di pollo quasi senza coinvolgere animali nel processo. KFC fornirà al suo partner tutti gli ingredienti necessari, come impanatura e spezie, per ottenere il gusto KFC. Al momento, non esistono altri metodi disponibili sul mercato che potrebbero consentire la creazione di prodotti così complessi da cellule animali.

KFC

La tecnologia di coltivazione della carne dalle cellule ha un impatto minimo sull’ambiente. Essa consententirebbe di ridurre di oltre la metà il consumo di energia, di ridurre di 25 volte le emissioni di gas serra e di utilizzare 100 volte meno terreni rispetto all’allevamento tradizionale.

“Alla KFC stiamo monitorando da vicino tutte le ultime tendenze e innovazioni e facendo del nostro meglio per stare al passo con i tempi introducendo tecnologie avanzate nelle nostre catene di ristoranti. Questi prodotti sono il prossimo passo nello sviluppo del nostro concetto di “ristorante del futuro”.

Raisa Polyakova, General Manager of KFC Russia & CIS.
8.9K views 16 shares 3 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi