SHARE
Entertainment

La Ricerca come Felicità di Ernest Hemingway

By Sara Stefanovic
4 min read

Il racconto inedito di Ernest Hemingway (Pursuit as Happiness) è stato pubblicato sulle pagine del New Yorker

Quell’anno avevamo programmato di pescare il marlin al largo della costa cubana per un mese…

Così inizia il racconto inedito di Ernest Hemingway ritrovato dal nipote dello scrittore, Sean Hemingway, che ha scoperto questo prezioso tesoro tra le carte della John F Kennedy Library di Boston. A 59 anni dalla sua morte lo scrittore ‘perduto’ ci regala ancora un’emozione. Il racconto in questione è antecedente la pubblicazione de Il vecchio e il mare, racconto che gli valse il Premio Pulitzer nel 1953 e il Nobel per la letteratura nel 54.

Proprio come Il vecchio e il mare, che fu pubblicato sul magazine Life, nel 1952, oggi il suo racconto ‘genitore’ viene pubblicato sulle pagine del New Yorker. La parentela tra i due racconti la intuiamo già dall’incipit in cui viene nominata la costa cubana. Ricordiamo che il ‘vecchio’ protagonista di The Old Man and the Sea, Santiago, si trovava proprio a Cuba, nell’attesa (durata 84 giorni) di pescare qualcosa. Altro richiamo è il pesce che i due protagonisti del racconto vogliono pescare, un marlin.

[…] anche se ogni giorno prendevamo o perdevamo dei marlin bianchi e un giorno ne presi cinque.

Una battuta di pesca

In questo caso sembra trattarsi, più che di un racconto vero e proprio, di un resoconto autobiografico di una battuta di pesca, come intuiamo dal fatto che i personaggi si riferiscano al protagonista chiamandolo ‘Ernest‘. Altro aspetto che conferma la tesi è il fatto che venga citata la sua permanenza in Europa.

Quella vita sociale è ciò che ti logora, Cap. Ma non dico tu debba evitarla del tutto. Limitala al sabato sera. ”

Bene”, dissi. “Vita sociale solo il sabato sera. Ora, cosa suggeriresti di scrivere? ”

Dipende da te, Cap. Non voglio interferire con quello. Il lavoro di scrittore ti è sempre riuscito bene. ”

Cosa ti piacerebbe leggere?

Perché non scrivi dei bei racconti sull’Europa o sull’ovest o su quando hai vagabondato o sulla guerra o quel genere di cose? Perché non ne scrivi uno solo su cose che io e te sappiamo? Scrivine uno su ciò che ha visto l’Anita. Potresti metterci dentro abbastanza vita sociale da farlo piacere a tutti. ”

Sto licenziando la vita sociale“.

Proprio come in un raccontro dentro al racconto Hemingway ‘rompe la quarta parete’ con frasi lunghe e tese.

Il mattino seguente, quando la prima luce del giorno proveniente dall’altra parte della baia mi svegliò, mi alzai e iniziai a scrivere un racconto che speravo il signor Josie avrebbe gradito. Protagonisti l’Anita, il lungomare e le cose che sapevamo fossero successe e cercai di metterci dentro la sensazione del mare e le cose che avevamo visto, odorato e sentito e che sentivamo ogni giorno. Lavorai sulla storia ogni mattina e pescammo ogni giorno e anche del buon pesce.

Un racconto marinaresco molto fresco e veloce, fatto di stilettate proprio come quelle del marlin nell’acqua. Ritroviamo anche qui la mascolinità, personaggi maschili, come nel racconto successivo, alle prese con la pesca che si converte più in una sorta di caccia per dimostrare la propria virilità.

Ogni volta che saltava faceva uno schizzo come un cavallo che cade da una scogliera e saltava e saltava e saltava.

“Meglio una brutta giornata di pesca che una bella giornata di lavoro”

La fatica di Ernest nel pescare il marlin è la stessa di Santiago. Un braccio di ferro per provare a sè stessi di potercela ancora fare. Il ‘pesce della vita’ per il pescatore arriva solamente una volta, se se lo perde non gli ricapita più. Ma Ernest non era un vero pescatore, quindi poco importa.

“Accidenti!”, gli dissi. “Non devi dire sciocchezze del genere. Prenderemo molti pesci più grandi “. Ma non l’abbiamo mai fatto.

Per quanto ci possa sembrare un semplice resoconto autobiografico, come attestano varie prove disseminate nel testo (signor Josie, ad esempio, era il soprannome dell’amico Joe Russell), il nipote vede questa storia come una short fiction. Una storia inventata creata facendo un collage di esperienze vissute per davvero.

È certamente possibile che la storia sia stata ispirata da una particolare battuta di pesca dell’estate del 1933, anno in cui è ambientata. Secondo me, però, la narrazione è stata più probabilmente tratta da diverse esperienze, a cui l’autore ha aggiunto elementi immaginari che migliorano la narrazione.

Sean Hemingway

Questa narrazione verrà inserita nella nuova edizione de Il vecchio e il mare con il titolo La ricerca come felicità, che ne rappresenta l’essenziale leggerezza. Non si tratta di una fuga dagli squali, ma del piacere della pesca. La nuova edizione verrà pubblicata con una prefazione a cura di Stacey Chandler entro la fine del 2020. Per gli amanti della letteratura è un’ottima notizia ma per coloro che, ahimè, scelgono Il vecchio e il mare come lettura estiva obbligatoria solo per la sua dimensione ridotta avranno qualche pagina in più da soffrire.

4 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi