SHARE
Music

Monday Song: 5 per MF Doom

By Stefano Nappa
3 min read

MF Doom è un artista che ha plasmato la musica di oggi in ogni suo dettaglio. Se ami sopratutto l’Hip-Hop o il Rap o la Trap non puoi non conoscerlo.

I suoi dischi hanno cambiato la vita a milioni di ascoltatori. Uno su tutti è uscito nel 2004 e s’intitolava Madvillainy, fu pensato, prodotto e costruito insieme a Madlib

Qualche giorno fa, è arrivata la notizia che MF Doom, ossia Daniel Dumile, è morto lo scorso 31 ottobre a 49 anni. Lo ha annunciato sua moglie Jasmine il 31 dicembre con un comunicato che purtroppo non contiene altre informazioni.

Era nato a Londra ma è cresciuto e aveva vissuto a New York, dove si era trasferito con la famiglia. Non fidatevi di chi vi dirà che MF Doom è stato un artista di nicchia, probabilmente quest’ultimo non è mai entrato in un negozio di dischi o non ha mai comprato un disco. Infatti quel disco entrò anche in classifica Billboard.

In più la sua copertina, ormai storica, ideata da Jeff Jank e scattata da Eric Coleman fu ispirata dal primo disco di Madonna.

Per quanto riguarda la maschera diffidate dalle imitazioni, anche perché la sua storia è tanto complessa quanto affascinante.

L’inizio della sua carriera cominciò insieme al fratello Dj Subroc e Onyx The Birthstone Kid con il gruppo KMD.

Fin dal loro esordio con la Elektra Records si capii subito che questo gruppo avrebbe avuto un futuro roseo. Peachfuzz, Who Me? divennero dei classici in rotazione perenne su Yo! MTV Raps e su Rap City.

Posts correlati dnl

Concerti, interviste, concerti, interviste e un nuovo album resero il 1993 l’anno più importante del gruppo. Peccato però che Subroc, il fratello di MF Doom venne ucciso da un pirata della strada prima dell’uscita del loro secondo album.

Il disco non vide mai la luce e dopo la perdita del fratello, Dumile si allontanò dall’hip-hop ma anche dalla vita reale. Aveva ricevuto una delusione immensa dal business discografico, lui stesso in un intervista raccontò di aver vissuto per molto tempo senza casa, camminando per le strade di Manhattan e dormento sulle panchine.

Nel 1997 però raggiunse Atlanta e qui riuscì a pubblicare come bootleg su tape e cd, il disco che l’industria musicale aveva scartato.

Black Bastards in pochissimo tempo arrivò in maniera non ufficiale ai vertici dell’hip-hop underground. Ma nessuno sapeva che fine avesse fatto Dumile anche perché alle serate Open Mic si presentò sempre con il volto coperto da una maschera che era diventata il simbolo della sua vendetta.

MF Doom

Non esistono sue fotografie senza di essa, se non alcuni brevissimi estratti da video come “Mr. Clean” e le foto scattate nei primi anni di carriera con i KMD. La sua identità deve molto al fumetto della Marvel Doctor Doom ma la sua maschera è la replica esatta di quella indossata da Massimo Decimo Meridio nel film Il gladiatore.

L’uscita di Operation: Doomsday, avvenuta nel 1998 per l’etichetta indipendente Fondle ‘Em, segna un punto di svolta nella sua carriera ma l’apice arriva proprio con il disco insieme a Madlib che abbiamo citato prima.

Questo speciale Monday Song è tutto dedicato a uno dei dischi che ha cambiato l’Hip-Hop per sempre e suonerà per sempre: Accordion , Strange Ways, Fancy Clown, All Caps e Raid.

3 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi