SHARE
Food & Beverage - Destinations

Streetfood invernale dal Paese del Sol Levante

By Editorial Team
3 min read
streetfood invernale

Prima o poi torneremo a viaggiare. Noi Digital Nomads speriamo presto. Nell’attesa possiamo muoverci con il pensiero e sul Web. Immaginatevi di essere in Giappone, durante l’inverno. É importante la stagione perché, in Giappone, si presta molta attenzione al periodo, soprattutto per il cibo. No, non mangiano solo sushi, soprattutto d’inverno. Durante i pungenti inverni giapponesi, infatti, ci sono molti piatti caldi che si possono trovare ai baracchini, lungo la strada, che si modificano con le stagioni e che, in questo periodo, servono streetfood invernale.

Streetfood invernale in Giappone

streetfood invernale
Photo by Chris Yang on Unsplash

Oden

Il sapore dell’inverno giapponese corrisponde all’Oden. Una sorta di minestra, spesso servita negli izakaya, pub in stile giapponese. É possibile trovare l’Oden anche in molti konbini e yatai (bancarelle), già pronta in apposite confezioni da comporre in base ai propri gusti. É lo streetfood invernale per antonomasia in Giappone. Quando arriva il freddo, i venditori di Oden appaiono ovunque. Gli ingredienti più comuni che vengono cotti all’interno del brodo dashi sono il daikon, il konnyaku, le uova e il ganmodoki. Tra le varie scelte, però, non si possono dimenticare: il Suji, le carote, i funghi shitake, il polpo, il tufo, vari tipi di surimi e altri ingredienti tipici, tutti da scoprire. Lo stesso brodo dashi, realizzato con alga kombu e katsuobushi (scaglie di tonno essiccato), varia a seconda delle regioni.

Yakisoba

La pietanza da strada giapponese per antonomasia è sua maestà lo yakisoba. Sempre presente, abbondante, economico, delizioso. Il suo sfrigolio attira l’attenzione di tutti i presenti e il profumo richiama orde di affamati avventori. Questo piatto non è semplicemente il numero uno dello streetfood invernale, bensì di tutte e quattro le stagioni. Nella loro semplicità, i noodels alla piastra con verza, salsa Otafuku e pochi altri ingredienti rappresentano senza ombra di dubbio quello che deve essere un vero streetfood.

Posts correlati dnl

streetfood invernale

Okonomiyaki

É quasi impossibile non conoscere l’Okonomiyaki. È sicuramente, assieme al Sushi e al Ramen, una delle pietanze più famose all’estero. Gli ingredienti cambiano a seconda di chi lo prepara: Okonomi-Yaki significa ciò che vuoi grigliato. Il tutto ha inizio, però, da una base di uova, farina di verza sminuzzata, a cui si aggiungono pancetta o frutti di mare (o entrambi) e che infine viene cosparsa di salsa Otafuku, Katsuobushi, Kewpie Sansho. Ne esistono principalmente due versioni: quella di Osaka, sopra descritta, e quella di Hiroshima, che agli ingredienti sopracitati aggiunge anche i soba. Quest’ultima versione viene anche chiamata modanyaki. Più che uno streetfood invernale, in questo caso, è un piatto che non può mancare quando si parla di Giappone.

streetfood invernale
Photo by Daniel Hooper on Unsplash

Nikuman

I Nikuman (Baozi in cinese) sono panini ripieni che vengono mangiati tutto l’anno, ma sono consumati più frequentemente come streetfood invernale. La ragione principale è perché sono deliziosi e caldi mentre si tengono in mano. Sono uno scaldamani personale ripieno di carne.

Si possono acquistare in particolari banchetti lungo la strada o presso un qualunque konbini. Oltre al niku-man (ripieno di carne), potete trovare anche gli an-man (ripieno di fagioli dolci azuki), pizza-man (carne, salsa di pomodoro e formaggio), curry-man e addirittura chocolate-man.

Yakiimo

Se girate il Giappone durante l’inverno troverete sicuramente dei chioschi che arrostiscono le patate sulle braci. Se siete fortunati potrete imbattervi in alcuni venditori di yakiimo che hanno dei carrelli con un vero focolare, perfetti per lo streetfood invernale.

In realtà sono normali patate dolci, ma il Giappone ha molte varietà di patate, alcune dal gusto molto particolare. Vengono avvolte nella carta stagnola e cotte con la loro buccia. Questo snack dolce e, soprattutto, caldo è delizioso nelle fredde giornate invernali e la presenza della buccia arrostita rende la parte esterna bella e croccante. Certo non una novità, ma il sapore è molto diverso dalle classiche patate al cartoccio o al forno che conosciamo.

3 min read

Posts correlati dnl

Questo sito utilizza cookies al fine di personalizzare la tua navigazione, raccogliere le tue preferenze e mostrare annunci personalizzati. Cliccando sul tasto “Ok” e proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies come specificato nell’ informativa privacy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi